EMPANADAS di carne – la ricetta di SALTA, Argentina

L’empanada, alla base della cucina regionale argentina, non è originaria del Sudamerica e nemmeno della Spagna, dove già appare nei trattati culinari medievali, bensì della cucina araba. In Argentina ogni provincia ha la sua versione, sia per quanto riguarda la forma, il ripieno e la maniera di cucinarla, ma la più famosa e rappresentativa è senza dubbio quella di Salta: di carne tagliata col coltello e cotta al forno.

La carne è quella del vitello, roast beef o lombatina, e tagliata a coltello, cortada a cuchillo, perché si asciuga meno in fretta di quella macinata. Si scalda il grasso in un tegame, grasso purificato di vacca o lardo, se si usa olio meglio quello extra vergine, si dora l’erba cipollina tagliata fine e si aggiunge la carne. Quando cambia di colore la carne togliere il tegame dal fuoco. Aggiungere le patate tagliate a cubetti, patate grandi lesse, le olive verdi tagliate fine, l’uva passa bianca, le uova sode tagliate a pezzettini, i condimenti come peperoncino, peperoni in polvere, pepe e sale.

La sfoglia si prepara con farina comune, acqua salata e grasso purificato di vacca o lardo, ancor meglio con grasa de pella … cioè: 5 parti di grasso purificato di vitello, 1 parte di latte, 2 foglie di alloro, sale; sciogliere il grasso, unire gli altri ingredienti, mescolare. Si conserva in barattoli di vetro.

Si tira la sfoglia, si taglia in porzioni rotonde, si mette il ripieno nel centro e si chiude come fosse un mollusco bivalve. La sfoglia aderisce meglio passando un dito bagnato d’acqua sul bordo prima di ripiegarla. Il tipo di bordo, repulgue, è a discrezione del cuoco, e si può differenziare a seconda del ripieno.

Si spennella l’empanada cruda con un uovo sbattuto e si mette in forno a 180° per 10-15 minuti. Volendo si accompagna con una salsa non troppo piccante a base di pomodori. Si mangia con le mani. La morte sua è con una bottiglia di Malbec, vino tinto, che se vogliamo della stessa regione sarà del Cafayate.

Per il ripieno: mezzo chilo di carne, 200 grammi di grasso, 100 grammi di uva passa, 1 dozzina e mezza di olive verdi grandi, 3 uova sode + 1 tuorlo per la spennellatura, erba cipollina, peperoncino, peperoni in polvere, sale e pepe.

Per la sfoglia: 750 grammi di farina, 150 grammi di grasso, acqua salata tiepida. Lasciare riposare l’impasto per 15 minuti.

Advertisements

Francisco SALAMONE – an architect in the PAMPAS

Architect Francisco Salamone (Leonforte, Sicily, Italy 1897–Buenos Aires, Argentina 1959) built more than 60 municipal buildings (cemetery, city hall, slaughter house) with Art Deco / Futurism elements in several rural communities in Buenos Aires Province. These buildings are the examples of first contemporary architecture in rural Argentina.

all black & white photographs © Christian Ostrosky

processing ORANGES – in Entre Rios

Entre Rios, which literally means Between Rivers, the Paraná and Uruguay rivers in this specific case, is a mainly agricultural province of Argentina. Land is flat and rich, Summers are hot and Winters never too cold, the ideal climate for growing citrus orchards like juicy and sweet oranges.

LE AMERICHE IN SCALA 1:1 – un libro di MICHELE MOLINARI

 


LE AMERICHE IN SCALA 1:1
In viaggio, da New York a Buenos Aires.
.
Copertina morbida, 256 pagine.
Ed. Lulu.com, 2008.
.
Prima tappa: Penn Station. Ultima tappa: Retiro. Ma mica diretto, no. Molte tappe di approssimazione successiva collegate da treni autobus e traghetti, tutti mezzi pubblici sia ben chiaro, magari anche qualche tratta a piedi. Perché se è l’Altra America che voglio conoscere, tanto vale che cominci da subito. E veda cambiare i volti e gli abiti, veda mutare le valli in deserti e montagne e campi coltivati, ascolti i dialetti e le musiche e quello che la gente vorrà raccontarmi sulla vita, la loro, la vita nelle Americhe.

Un viaggio on the road ricco di emozioni e incontri ben raccontati.

Nato a Mantova nel 1960, Michele Molinari è giornalista e fotografo free lance, ama le grandi città ma non può fare a meno degli spazi aperti. Lavora appassionatamente per fare del viaggio un modus vivendi, senza mancare di occuparsi di temi sociali, stili di vita e fatti di costume. Attualmente vive a Buenos Aires.

Leggi alcune pagine del libro su Ruta 40.

Compra il libro da Lulu o da Bol.it.

 

San Clemente es DIFERENTE

San Clemente is the first, in terms of distance coming from Buenos Aires, seaside resort on the Atlantic coast. Water is dirty and sand is even worst. Hotels are moldy and restaurants serve low quality food.

Well, so, sun is for free and photography still a pleasure. 🙂

SUBTErraneo – subway in BUENOS AIRES

Iguazu – the WATERFALLS

October is usually a great month for visiting Iguazu: rainy season in the Amazon is almost over and a huge amount of water reaches the Falls.

The water roar covers the jungle sounds and amazes the National Park visitors, stunned by the view and the fearless flights of the Great Dusky Swift. Waterfalls are everywhere, but the not-to-be-missed highlight is the Garganta del Diablo: a C shaped front that can be seen from a terrace built on the very edge.

Touring Argentina: Misiones

The Mission: with Robert de Niro and Jeremy Iron, DVD

Fodor’s Argentina: Gold Guide

%d bloggers like this: